Direttore Responsabile: Camillo Cametti

Nuoto

Il weekend genovese del fuoriclasse americano

Tutta Genova è impazzita per Lochte Superstar

Dall'accoglienza di sabato durante l'allenamento alla piscina di Rivarolo alle gare odierne alla Sciorba, senza disdegnare la vita notturna sotto la Lanterna: il trentenne di Rochester è stata la star indiscussa del Trofeo Nico Sapio.

  • Share
Ryan Lochte show

Fenomeno Lochte. Tutto esaurito alla piscina Sciorba fin dal mattino, tifo da stadio e grande spettacolo al Trofeo Nico Sapio 2014. La mirabolante star ingaggiata dagli scafati organizzatori del meeting che ogni anno apre la stagione italiana tra le corsie ha sortito l’effetto sperato, forse ancor di più, scatenando un vero pandemonio natatorio a Genova. Undici medaglie olimpiche, innumerevoli successi in tutte le manifestazioni internazionali di rilievo ed un carisma che gli ha permesso di conquistare milioni di supporters, pronti a seguirlo anche in capo al mondo.

Dopo l’accoglienza preliminare di sabato nella piscina di Rivarolo, il campione statunitense ha girato a piedi per le strade del capoluogo ligure, documentando il tutto con tanto di foto in buona compagnia, prontamente pubblicate sui social network nel cuore della notte. «È stata davvero una bella serata, abbiamo mangiato una pizza tutti assieme e poi abbiamo passeggiato per le vie del centro, è stato davvero divertente», ha raccontato.

Il suo impatto mattutino col meeting genovese non era stato dei migliori con l’eliminazione nelle batterie dei 100 farfalla (54”59 che gli è valso il 10° tempo) e l’entrata con l’ultimo posto utile nella finale dei 100 stile libero (49”87). Poi però, è arrivata la prova di forza nei 200 misti in cui ha realizzato il secondo tempo di qualifica (2’01”34) alle spalle dell’azzurro Pavone (2’01”09), spingendo soltanto nelle sue impareggiabili subacquee e nelle ultime dieci bracciate a stile libero per spazzare via ogni dubbio. Al pomeriggio, il crescendo è proseguito. Lochte ha provato a sorprendere gli stileliberisti puri nei 100, conducendo per ampi tratti la gara (chiusa in 48”50), prima di arrendersi soltanto allo specialista della vasca corta Mehdi Metella (47”96). L’alligatore americano si è però prontamente rifatto nel suo giardino di casa, i 200 misti, facendo spellare le mani al pubblico ligure: 1’57”24, nuovo record della manifestazione, sottratto al neocompagno di club nello SwimMAC Carolina Laszlo Cseh, che lo scoro anno stoppò le lancette sull'1'57"49.

«Era il mio primo meeting della stagione e sono soddisfatto dei risultati e dei riscontri cronometrici ottenuti, che saranno una bella spinta in vista dei Mondiali in vasca corta – ha spiegato -. Non sapevo che cosa aspettarmi dalla farfalla perché era la prima gara della giornata, mentre i 100 stile e i 200 misti sono andati decisamente meglio. Comunque, so che posso andare molto più forte e lo dimostrerò nelle prossime uscite. L'atmosfera era fantastica: ho i migliori fans del mondo, che mi incitano e mi fanno sentire a casa anche qui in Italia».

E per ringraziarli, ne ha scelti due tra i più piccini, e gli ha regalato le sue medaglie così come aveva già fatto ai Mondiali in vasca corta di Istanbul nel 2012: «Ho deciso di tenere per me soltanto le medaglie olimpiche, le altre le regalo ai miei tifosi per ringraziarli del supporto».


Ryan Lochte regala le medaglie ai suoi fans

Ryan Lochte ha regalato le sue medaglie ai suoi giovanissimi fans

 

Oggi l’aspetta la visita all’Aquario di Genova, una cena di gala e poi potrà pensare alla prossima uscita italiana, prevista per il weekend a Bolzano. In Alto Adige è garantito un altro bagno di folla.

 

Foto: A.Masini/Deepbluemedia.eu/Inside

 

Leggi anche...

Tuffiblog