Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Tuffi

Gli azzurri coronano una stagione in forte crescita nella specialità

Universiadi 2017: BRONZO Auber-Marsaglia nel sincro 3m

Terza medaglia per la spedizione a Taipei guidata da Nicola Marconi e Benedetta Molaioli (record storico per i tuffi alle Universiadi): la coppia azzurra si classifica terza dietro Russia e Corea del Sud. Bilotta semifinalista da 3m, è sedicesima. Ultima gara azzurra domenica con il team event.

  • Share

Continua positivamente l'Universiade della squadra azzurra di tuffi: Lorenzo Marsaglia e Gabriele Auber hanno vinto la medaglia di bronzo nella finale dei tuffi sincronizzati da 3 metri. È la terza medaglia per la spedizione guidata da Nicola Marconi e Benedetta Molaioli, dopo quella nel sincro misto (Bilotta-Auber) e quella dal trampolino 3 metri (Tocci).

Un'ottima gara per Marsaglia e Auber che in questo anno sono cresciuti moltissimo: si sono giocati la qualifica per i Campionati Europei e Mondiali conquistandola in vasca, hanno ottenuto la 5ª posizione agli Europei di Kiev, la finale mondiale a Budapest e oggi questo terzo posto, una vera e propria "ciliegina sulla torta".

Atleti e allenatori sapevano che potevano aspirare al podio, ma che non sarebbe stata facile. Di avversari agguerriti ce ne erano molti: i russi Zakharov e Kuznetsov, i coreani Woo e Kim, i messicani Zuniga e Diego, gli ucraini Gorshokovozov e Kolody.

Ma Auber e Marsaglia hanno sempre tenuto alta la concentrazione, sopratutto nei loro tuffi più difficili, il triplo avvitamento e mezzo rovesciato e il doppio e mezzo avanti con due avvitamenti, che sono stati anche i salti con cui hanno raccolto più punti: 78.75 per il primo e 78.54 per il secondo. Russia e Corea, forti di coefficienti più alti e di ottime esecuzioni tecniche, non potevano essere superate, ma con l'Ucraina ed il Messico la sfida era aperta.

I nostri ragazzi hanno chiuso con un ottimo doppio e mezzo ritornato, mentre i loro avversari hanno sbagliato, facendo esplodere in un'ovazione la squadra azzurra non appena i risultati sono usciti sullo schermo!!

Con quella di oggi le medaglie dei tuffi italiani a Taipei diventano 3, un record per il nostro sport alle Universiadi, e dopodomani avremo la finale del team event con Flavia Pallotta e Lorenzo Marsaglia.

 

Nella notte italiana invece abbiamo ritrovato sul trampolino Laura Bilotta; dopo la sfumata qualifica da 1 metro e la medaglia di bronzo nel sincro misto con Auber, oggi ha affrontato l’eliminatoria da 3 metri.

33 partecipanti, per entrare in semifinale bisognava classificarsi entro le prime 18, ma al secondo tuffo dell’azzurra é arrivato un brutto errore, nel triplo e mezzo avanti carpiato é infatti entrata molto scarsa. Laura peró non si é persa d’animo e ha continuato la gara con grinta, eseguendo degli ottimi tuffi, soprattutto il doppio e mezzo rovesciato carpiato, e portandosi vicinissima alla “zona qualifica”.

A fine gara purtroppo il verdetto é stato peró impietoso: nonostante avesse concluso l’eliminatoria con il suo miglior punteggio stagionale, 241.35 punti, nonostante ci fossero tre atlete per la nazionale statunitense e giapponese (quindi due atlete da “scartare”) la nostra azzurra é rimasta fuori dalla semifinale per 1 punto e 5 centesimi! Con grande rammarico Laura si é avviata verso lo spogliatoio, ma da lí a poco é arrivata la notizia: prima Hyang Un Kim (Nord Corea), diciassettesima, e poi Dolores Hernandez (Messico) prima in classifica, hanno deciso di ritirarsi, lasciando cosí il posto alla Bilotta… Quando si dice destino!!

 

L’azzurra, nuovamente in gara dopo 30 minuti, doveva ripetere la buona prestazione vista in eliminatoria, correggendo peró l’errore nel triplo e mezzo avanti. Se fosse riuscita a migliorarsi allora la finale sarebbe stata alla sua portata.

Nonostante nel triplo e mezzo avanti abbia totalizzato il doppio dei punti fatti nella prova precedente, gli altri suoi salti non sono stati altrettanto buoni.

Con 223.90 punti la finale non é arrivata, ma la Bilotta ha comunque migliorato di una posizione rispetto all’eliminatoria, classificandosi al 16° posto; con la Hernandez fuori dalla gara, a prendere il comando é stata l’ucraina Viktoriya Kesar, con la statunitense Brooke Sculthz subito dietro di lei, uniche due a superare i 300 punti.

Leggi anche...

TuffiblogArenaHotel Consul

Twitter